Attività

LABORATORI DI GRUPPO

Finalità

La finalità è lavorare sui processi educativi senza modificarne e aggiustarne i risultati e i prodotti creativo-artistici per ansia personale di fare bella figura pubblica. I laboratori diventano percorsi di crescita e di sviluppo personale, oltrepassando i propri limiti, ognuno con i propri tempi. Il comun denominatore diventa il gruppo inteso come possibilità di instaurare relazioni di amicizia e di scambio, di prendere consapevolezza del proprio ruolo e dell’importanza di condividere il proprio potenziale espressivo. I laboratori manifestano l’energia creativa che ognuno custodisce, raggiunta attraverso il riconoscimento di valori reciproci:  rigore, precisione, disciplina, tecniche sperimentate.  Chiunque può e deve avere il diritto di esprimere e soddisfare i propri hobby, interessi e passioni in un ambiente positivo. La proposta costante di alcuni laboratori, come musica, teatro e pittura è dettata dalla convinzione che nulla, se fatto con qualità e cura, è uguale a se stesso e noioso.
La ripetizione di attività e la presenza di figure di riferimento diventano la base per la sicurezza, per il benessere e per la fiducia reciproca.

Obiettivi

Solo ponendo al centro le capacità, le doti e gli interessi, piuttosto che le carenze e le mancanze, si può pensare ad una visione della disabilità in chiave positiva, che pensa i soggetti attivi, liberi e compartecipativi del vivere sociale.

Gli obiettivi principali comuni a tutti i laboratori sono:

  • sperimentare proposte creative, ludiche e motorie,
  • mettersi in gioco partendo dalle proprie abilità,
  • acquisire maggior autostima,
  • incrementare la rete relazionale.

Organizzazione

I percorsi laboratoriali sono a cadenza settimanale e offrono la possibilità di sperimentare proposte creative, ludiche e motorie,  di mettersi in gioco partendo dalle proprie abilità, puntando verso l’acquisizione di maggior autostima e crescita relazionale.  L’ iter organizzativo per i percorsi laboratoriali segue una programmazione trimestrale, in base ai periodi dell’anno. Questa poi viene proposta alla famiglia la quale sceglie sulla base degli interessi dei figli  a quale attività aderire.

I laboratori si svolgono nella fascia giornaliera del tempo libero e intendono fare da ponte tra la persona con disabilità e il territorio di appartenenza collaborando con la rete dei servizi socio–educativi assistenziali e con le associazioni culturali e sportive già esistenti sul territorio.

Personale

I diversi percorsi e le occasioni di socializzazione sul territorio sono progettate e seguite dalle educatrici stesse e da collaboratori esterni. L’intenzione di entrare in relazione con collaboratori esterni competenti nasce dalla nostra profonda convinzione,  che creare spazi di esperienza dove la qualità della proposta sia alta e stimolante,  incentivi maggiormente i partecipanti. Chi offre le sue competenze lo fa con passione e dedizione e ciò dà un contributo fondamentale alla buona riuscita del percorso. La qualità insieme alla costanza permettono di migliorare e di vivere con gioia le esperienze proposte. Il clima diventa ricco di emozioni, di impegno e di solidarietà, si punta a una crescita personale oltrepassando i propri limiti, ognuno con i propri tempi.

I volontari, attivi collaboratori nei percorsi contribuiscono a migliorare la qualità della relazione con i partecipanti. Sono giovani e adolescenti volontari, motivati da impegno sociale e da sensibilità umana e creativa. Ognuno prende pian piano consapevolezza dell’importanza che ha all’interno del gruppo, e assume spontaneamente un ruolo, delle responsabilità e dei compiti che agevolano e migliorano l’attività stessa.

Destinatari

Rivolto a persone con disabilità (giovani e in età adulta)

Elenco dei  laboratori proposti

laborat.